Ciao Gigi...


15 Ottobre 1967-2017

50° anniversario


Una domenica come tante, una partita conclusa con una netta vittoria, una serata di meritata libertà. Però in agguato, quel 15 ottobre 1967, c’era un perfido destino che non ha avuto rispetto della gioia di vivere di un ragazzo semplice e innamorato della vita.

Ma quella sera Gigi Meroni, Luigino per gli amici e i familiari, è passato da un’esistenza quasi normale all’immortalità.

Il suo futuro si è liquefatto sotto le ruote di due auto che lo hanno travolto senza rispetto e ridotto a un cumulo di stracci: in quel momento lo hanno consegnato all’eternità, cucendogli addosso un abito che gli sarebbe rimasto incollato per sempre. Per sempre è tanto: Gigi Meroni è morto solo fisicamente quella sera, perché in questi ultimi 50 anni è stato con tutti noi, fianco a fianco, giorno dopo giorno.

Nessuno l'ha dimenticato, nessuno l'ha chiuso in un cassetto, nessuno gli ha fatto mancare un pensiero o un ricordo. E dedicarsi a lui oggi, che sono trascorsi esattamente 50 anni da allora, è un mero esercizio cronologico perché in realtà Gigi Meroni è stato con noi in ogni momento.

Lo sanno i tifosi del Genoa e soprattutto quelli del Toro, lo sanno i suoi amici d'infanzia di Como, lo sanno bene i suoi cari che non hanno smesso un istante di confidare a lui un segreto o rivolgergli una preghiera.

E quando ci è mancato (spesso in verità), è bastato ripensare al suo dolce sorriso e alla sua gioia di vivere: ogni tristezza si è dissolta e ogni brutto pensiero è volato via.

Come ha fatto lui, Gigi Meroni, quella maledetta sera d’autunno in Corso Re Umberto a Torino.

Ciao Gigi. Gigi Meroni 50 anniversario 1967-2017